Notifiche push cosa sono ? Differenze tra iPhone e Android

Le notifiche push cosa sono su iPhone e come si usano. Resta sempre informato metti le notifiche push sul tuo telefono Android e Apple

Nel nostro mondo sempre connesso, siamo costantemente bombardati di notifiche. Esistono molti tipi diversi di notifiche, ma un termine che probabilmente hai visto spesso è “Notifiche push”. Oggi ti spieghiamo cosa sono e come si usano su iPhone e Android

Notifiche push cosa sono ?

Una breve storia delle notifiche push

Esistono diversi tipi di “tecnologia push”, ma le notifiche push che vediamo ogni giorno sugli smartphone risalgono al 2009. È stato allora che Apple ha rilasciato un servizio di notifiche push per gli sviluppatori di iPhone.

Come nascondere le icone delle app su Android nella barra notifiche

Può sembrare assurdo ma una volta ricevere una notifica da un’app che non era in esecuzione in background era un grosso problema. Le notifiche push hanno cambiato il mondo. All’improvviso Apple ha implementato il suo sistema operativo iOS e gli utenti iPhone sono riusciti a ricevere notifiche su qualsiasi cosa.

Le notifiche push su iPhone erano così importanti che un intero ecosistema di app è sorto attorno a questa funzione funzione. Boxcar era un’app molto popolare che poteva ricevere notifiche push per app che ancora non ce l’avevano. Le persone erano più entusiaste che mai per le notifiche.

Come disattivare le notifiche Android sullo schermo

Android non era molto indietro. Google ha rilasciato il proprio servizio nel 2010, che ha portato notifiche push agli sviluppatori Android. Tuttavia, Google ha spinto ulteriormente le notifiche push. Nel 2013, ha aggiunto “notifiche avanzate”, che possono contenere immagini e pulsanti di azione.

Apple ha seguito l’esempio di Google e ha aggiunto pulsanti di azione alle notifiche nel 2014. Ecco a che punto siamo oggi. Miliardi di notifiche vengono inviate ai dispositivi ogni giorno.

Ma cos’è una notifica push ?

Ora che sappiamo da dove provengono le notifiche push, parliamo di cosa sono e come funzionano. Fondamentalmente, ogni volta che ricevi una notifica sul telefono da un’app, si tratta di una notifica push.

Quando a qualcuno piace la tua foto su Facebook e il tuo schermo si illumina e dice “Un amico ha apprezzato la tua foto”, questa è una notifica push. Quando hai un evento del calendario in arrivo e ricevi una notifica che ti avverte della scadenza. Questa è una notifica push.

Smettere di ricevere notifiche Telegram come si fa

Tutto questo può sembrare abbastanza semplice, ma c’è molto da fare dietro le quinte. Quando installi un’app, il suo identificatore univoco viene registrato con il servizio di notifica push del sistema operativo. L’editore dell’app memorizza anche i dettagli di registrazione.

Questi identificatori univoci consentono all’app, al dispositivo e al sistema operativo di comunicare tra loro in modo sicuro. A qualcuno piace la tua foto, che viene inviata a un server, quindi viene inviata all’app sul tuo telefono e il sistema operativo la visualizza.

Notifiche push ancora migliori

Non esiste un solo tipo di notifica push. Come accennato in precedenza, sia Apple che Google supportano la propria versione di “notifiche avanzate” per iOS e Android. Questo è il tipo più comune di notifica push che vedi oggi.

Le prime notifiche push erano estremamente semplici. Potrebbero semplicemente mostrare il nome dell’app e quindi toccarlo per aprire l’app. Questo poteva portarti non necessariamente al messaggio ma semplicemente aprire l’app.

Ora riceviamo molte più informazioni grazie a queste “ricche notifiche”. Puoi vedere un’anteprima di chi c’è davanti alla tua porta dall’app Ring. È possibile leggere interi messaggi di testo e rispondere alla notifica. Puoi archiviare un’email da Gmail senza aprire l’app.

Le notifiche avanzate hanno portato le notifiche push dal semplice “potresti voler dare un’occhiata a questo” a “ecco tutto ciò che devi sapere senza aprire l’app”. Rende la vita molto più facile.

Notifiche push : iPhone vs Android

C’è una bella differenza nel modo in cui iPhone (iOS) e Android gestiscono le notifiche push. iOS è un modello opt-in, mentre Android è un modello opt-out.

Ciò significa che quando installi un’app sul tuo iPhone, ti verrà chiesto se desideri consentire l’invio di notifiche al tuo dispositivo. Su Android, l’app può inviare notifiche fin dall’inizio. Sta a te disattivarle.

L’approccio di Android potrebbe essere migliore per gli sviluppatori di app in quanto è molto più facile ricevere una notifica di fronte a qualcuno. Tuttavia, può portare a molta frustrazione. Per fortuna, Android fa molto per la personalizzazione delle notifiche.

Succede qualcosa che un’app pensa che vuoi conoscere ? Ecco arrivare una notifica sul tuo dispositivo. Ci sono voluti molti anni e molto lavoro per semplificare la vita con una notifica push.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *