Nokia e Apple: il futuro dei netbook

netbook_apple_falsiIl 2008 ? stato un anno d’oro per i produttori di netbook, i nuovi computer portatili ultraleggeri e di dimensioni ridottissime, come Asus, Acer e MSI. Questi produttori hanno saputo giocare sapientemente sulle richieste del mercato immettendo in esso dispositivi di discreta qualit? a costi piuttosto ridotti (la maggior parte di essi ha l’alloggiamento per la SIM e costa la met? dei terminali medi high-end di Nokia e Apple). Anche Intel ha saputo dimostrare che i suoi processori Atom reggono bene la sfida, sia con Vista che con XP, tramite anche il Sony VAIO P, l’ultrapiccolo della casa giapponese venduto per? al prezzo di 999 ?, mediamente pi? del doppio rispetto agli altri netbook. Mentre il Vaio P potrebbe finire presto come il MacBook Air, snobbato dai pi? per l’assenza di componenti fondamentali (manca un combo DVD, per esempio) ma soprattutto per il suo costo (oltre 1500 ?), rumors nell’aria vogliono che Nokia e Apple stiano “gareggiando” per creare un nuovo netbook del tutto innovativo.

Nokia potrebbe usare i nuovi processori ARM Cortex, cos? come Apple, che sarebbe avantaggiata dall’acquisizione ormai un anno fa di PA Semi, societ? che produceva semiconduttori e componenti come microchip. Nokia potrebbe usare l’acquisizione di Symbian per creare un OS completamente open source e davvero competitivo, un qualcosa di pi? esteso di Google Android. Apple invece potrebbe utilizzare benissimo il software di iPhone e di iPod Touch, oppure una particolare versione di Leopard pi? leggera che utilizzi pi? gestures su schermo (grazie eventualmente ad un touchscreen multitouch).

Olli-Pekka Kallasvuo, n.1 di Nokia, ha gi? annunciato circa un mese fa l’intenzione di Nokia di approdare nel mercato dei laptop, ma non ha specificato se con un modello di notebook o di netbook. Nokia, in seguito, secondo altri rumor pi? o meno da considerare affidabili, avrebbe preso contatti con Compal e Foxconn, due societ? di Taiwan (Foxconn gi? impiegata da Apple per assemblare gli iPhone), per la costruzione delle componenti di un dispositivo particolare che non rientrerebbe nella categoria dei cellulari, per via delle componenti impiegate.?

A parlare di Apple invece ? direttamente il Wall Street Journal. Secondo la prestigiosa testata economica americana, Steve Jobs in questi mesi, nonostante sia in cura per scompensi ormonali, starebbe pensando a un dispositivo pi? grande di iPhone e iPod Touch ma pi? piccolo rispetto a un MacBook. Il CEO di Apple tornerebbe, sempre secondo i rumor, intorno alla fine del mese di Giugno. E’ a rischio quindi il WWDC? Potrebbe partecipare Schiller invece di Jobs?

Staremo a vedere…intanto continuano a susseguirsi i rumor di una probabile presentazione di un device simil-netbook da parte di Apple per la seconda met? del 2009, soprattutto a causa degli ordinativi di due tipi di sensori fotografici differenti: uno, da 3.2 Megapixel, che pare verr? integrato nel nuovo iPhone. L’altro, da oltre 5 Mpx, che verr? incluso in un altro device ancora celato nel mistero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *