SonyEricsson Idou: caratteristiche e immagini

L’ultima volta che parlammo del SonyEricsson Idou, il prototipo con fotocamera da 12 Megapixel presentato al MWC, ? stato oltre un mese fa. Il telefonino in questione non ha emozionato molto la clientela perch? dava la sensazione di un qualcosa di gi? visto, e spettacoli come Omnia HD e N97 lo coprivano decisamente. Inoltre l’aspettativa di uscita data come fine 2009 era decisamente inaccettabile. Ora per? si riaccendono i riflettori perch? la redazione di un sito slovacco lo ha potuto testare e provare e alla fine della fiera non ? cos? male. Secondo quanto riportato da loro, il cellulare potrebbe essere commercializzato tra Giugno e Luglio 2009: alquanto improbabile, visto che per la release definitiva del Symbian^2 della nuova Symbian Foundation bisogner? attendere sino alla fine di quest’anno.?

Questo quindi nelle mani del sito in questione ? ancora un prototipo hardware, con una release software per? piuttosto stabile. L’Idou sar? un pochettino pi? grande di iPhone, ma forse un po’ pi? leggero. Avr? uno schermo da 3.5″ con una risoluzione di 640×360 pixel, quindi nulla di che considerando cosa offre oggi la concorrenza, e una fotocamera da 12 Megapixel, della quale per? sarebbe da vagliare la qualit? quando uscir? una release sw adatta alla commercializzazione.?

Lo schermo di questo terminale combiner? in un mix le tecnologie resistive e capacitive. In pratica il cellulare sar? sia in grado di interpretare i comandi impartiti attraverso pennino o pressione sia quelli elettrostatici inviati tramite il nostro dito. L’accelerometro consentir? di ruotare con agilit? lo schermo e una connettivit? a tutto campo, comprensiva di HSDPA (7.2 Mbps di download, 1.46 di upload, GPRS, WIFI, EDGE e UMTS) consentir? di navigare velocemente nella rete. Pieno supporto a GPS, integrato, e a Bluetooth, nello standard 2.1 con audio stereo A2DP. Che dire ottimo cellulare se venisse venduto al massimo tra un mesetto o due. Sotto l’albero di Natale, tra nove mesi, sar? forse vecchio.

Qui potete trovare altre immagini.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *