Come salvare il Telefono caduto in acqua : Guida passo passo

Il telefono è caduto nell’acqua? Ecco come poterlo salvare in pochi passi. L’importante è che il telefono sia rimasto in acqua per un tempo breve.

Ecco come procedere nel qual caso il vostro telefonino o smartophone o qualsiasi altro gadgets elettronico vi cade accidentalmente in acqua (sia salata che dolce). Il risultato non è garantito ma sicuramente avtrete ottime possibilità che il telefono ritorni a funzionare.  I cellulari,  non vanno d’accordo coi liquidi e molto spesso capita che possano scivolare in acqua. Personalmente mi è capitato più volte in estate di vedere un’onda bagnare l’asciugamano e il lettore lettore mp3 / telefonino poggiati sopra.  Ecco allora alcuni semplici consigli da mettere in atto per prevenire i danni.

Ecco una piccola guida di come salvare il telefonino bagnato dall’acqua.


Telefono bagnato, telefono (s)fortunato. Sì, perché l’acqua – in particolare quella marina – è ricca di sali minerali che a contatto col rame e il silicio di un qualsiasi dispositivo elettronico si ossidano e “uccidono” repentinamente e definitivamente i contatti elettrici.

Se non vi è ancora capitato, sappiate che è necessario recuperare il telefono dall’acqua entro 20 secondi per evitare danni irreparabili. Se invece è già troppo tardi, nulla è perduto: seguite questi semplici step.

* Estraete immediatamente la batteria e la scheda SIM dal telefono.
* Non asciugate per nessun motivo il telefono o le componenti con l’asciugacapelli (phon): è deleterio. L’acqua infatti evapora e i sali minerali si ossidano più velocemente.
* Smontate tutte le componenti del cellulare e asciugatele con carta assorbente (come gli scottex). Così facendo assorbirete immediatamente l’acqua e i minerali in essa contenuti.
* Altra possibilità è quella di introdurre le componenti nell’acqua distillata o nell’alcool denaturalizzato: specie quest’ultimo tende ad evaporare in fretta e diluisce la percentuale di minerali nell’acqua, riducendo drasticamente il rischio di ossidazione.
* Una volta asciugate le componenti con uno dei precedenti metodi, non reinserite la batteria o la SIM. Cercate piuttosto delle bustine di silice (un materiale poroso che assorbe l’umidità), quelle che si trovano nei vestiti o nei mobili. Introduce le componenti in una scatola assieme al silice, sigillatela in modo che l’aria non entri o esca, e aspettate 24-48 ore.
* A questo punto rimontate il cellulare e accendetelo.

Se seguite questi passaggi, e comunque in generale, un telefono rimasto per meno di 20 secondi nell’acqua (soprattutto se non salata) funziona anche se asciugato per errore col phon nel 90% dei casi. Tuttavia alcune parti, come le antenne o la batteria sono più soggette di altre al guasto.

from

Guarda anche

inserire scheda sim telefono

Galaxy S8 quale SIM e dove si mette la scheda

Quale tipo di SIM ci vuole sul Galaxy S8 e dove si mette per far funzionare il telefono Che cosa usare per aprire il porta SIM del Galaxy S8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *