SIAE tassa PC, telefonini, lettori mp3: si tocca veramente il fondo

Il regalo di Natale del nostro Governo alla SIAE, se così lo si può definire, è stata l’ennesima legge che danneggia non solo i consumatori ma l’intero sistema che ruota intorno all’elettronica di consumo in Italia. In Italia. Infatti una legge come questa non esiste in nessun altro paese europeo.

Il nuovo “equo compenso” che i produttori di elettronica dovranno versare a SIAE, si applica su tutti i prodotti che abbiano una memoria integrata (hard disk, decoder, smartphone, lettori mp3) in diverse quote a seconda della tipologia di bene e della quantità di GB.

Ciò si traduce in una nuova tassa da applicare, in modo del tutto analogo a quanto è avvenuto qualche anno fa per i CD, i DVD e i masterizzatori, a tutti quei prodotti che possono ospitare brani musicali, video o qualsiasi altra cosa piratabile. E si traduce soprattutto in entrate da capogiro per la SIAE: si prevede che solo dalla vendita di hard disk sovratassati gli introiti in un anno supererebbero i 100 milioni di euro l’anno. E come sempre a rimetterci siamo noi.

Nel giro di qualche giorno, la nuova legge, passata in sordina di stampa e telegiornali nelle ultime settimane, nonostante abbia ricevuto le più dure opposizioni sia dal Parlamento che dalle più grandi associazioni dei consumatori italiane, verrà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

E la prossima? La selezione e la censura dei blog? Scriveteci cosa ne pensate.

(Fonte)

Guarda anche

RaiPlay gratis su telefono come scaricare video film serie tv

RaiPlay gratis su telefono come scaricare video film serie tv

RaiPlay come scaricare e guardare i video, film e serie tv senza essere collegati a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *