Google Nexus One: la presentazione e tutti i dettagli!

googlenexus4

Google Nexus One, il primo Googlefonino, è stato presentato pochi minuti fa alla Press Gathering di Android organizzata da Google. Assieme alla presentazione, Big G ha sfornato anche qualche dato, che andremo ad analizzare e quantificare insieme nell’articolo completo. Continuate a seguirci, nelle prossime ore maggiori approfondimenti, le prime news sull’arrivo di questo smartphone in Europa e, ovviamente, le prime news dal CES 2010 di Las Vegas!

Continuate a seguirci nell’articolo completo.

Preamboli

Due anni fa, Google e altri grossi produttori hanno firmato l’Open Handset Alliance, che è cresciuta sino a comprendere 52 membri, e si stanno aggiungendo ben altri 13. Un anno dopo questo traguardo, HTC e T-Mobile presentarono il G1 Dream.

Dopodiché arrivarono il myTouch 3G e il Droid, dispositivi capaci di spingersi oltre che con il software anche con l’hardware oltre la concorrenza. Ora Android può vantare di venti device sul quale è installato, 59 operatori con i quali sono venduti i venti device in 48 paesi e 19 lingue. Nel 2009 Android ha contato 4 major release (Donut, Eclair, Cupcake, ecc.). Google afferma che la gente cerca su Internet trenta volte di più su smartphone Android che su altri smartphone o telefoni cellulari.

Una breve nota è venuta dopo: Google può solo certificare device per Android solamente se essi sono telefoni, perciò altri dispositivi come netbook non otterranno la certificazione Android, e non si potrà dire che essi siano device Android. Non potranno perciò avere applicazioni Android, e non avranno l’accesso ad alcune librerie “segrete” alle quali Google limita l’accesso solo ai dispositivi autorizzati.

Nexus One

googlenexus46

“Dove il web incontra il telefono”. Questo è lo slogan di Nexus One. Confermato il nome, quindi. Il Nexus One è uno smartphone disegnato in stretta collaborazione con HTC, che è salita sul palco con la figura del CEO, Peter Chou, a presentare la sua gamma di dispositivi.

Contando il Nexus One, HTC ha prodotto ben sette dispositivi con Android integrato. Finora è il telefono con il miglior design e Android a bordo, e con un display da 3.7 pollici AMOLED spettacolare. Ha anche il processore più potente, Snapdragon da 1 GHz, mai visto finora su un device Android.

Ma ecco maggiori informazioni. L’unità da 3.7 pollici ha una risoluzione di 480×800 pixel, e grazie al processore da 1 GHz è il terminale Android più veloce mai prodotto. Ci sarà anche una trackball che fungerà anche da led per notifiche (si illuminerà di vari colori) quando si hanno eventi differenti. Ovviamente non mancheranno sensore di luminosità, di prossimità, bussola, GPS e accelerometro. Nonostante l’integrazione del WiFi, Google non ha bloccato il tethering.

Il suo spessore viene comparato ad una matita e il suo peso ad un coltellino svizzero: si parla di 11.5 mm di spessore e 130 g di peso. Comparto fotografico da 5 Megapixel, con LED Flash, e registrazione di video in MP4, facilmente inseribili su YouTube con un click.

Chiaramente Bluetooth Stereo A2DP, jack da 3.5 mm (per microfono e telecomando) e riduzione attiva del rumore nelle chiamate, con ben due microfoni integrati. Il Nexus One, secondo Google, non è solo hardware. Ma è un perfetto connubio di hardware e software (non ricorda un po’ Apple questa affermazione? NdA).

Ci sono anche numerose innovazioni software. N1 monterà Android 2.1, e sono integrate al momento dell’acquisto tutte le applicazioni presenti nativamente su Droid (Facebook, Google Maps Navigator e altre). Ora ci sono anche cinque schermate dove posizionare collegamenti e widget, rispetto alle precedenti tre. Particolare attenzione viene conferita al widget delle news e del meteo, quest’ultimo funziona tramite servizi di localizzazione GPS per trovare la vostra posizione.

Sono presenti anche gli sfondi animati, che abbiamo già avuto modo di apprezzare in alcune video preview. Dopodiché troviamo il 3D framework su N1 che sarà in grado di migliorare le prestazioni degli sfondi. E’ cambiato anche il metodo di spostamento delle applicazioni, il tutto per garantire più facilità d’uso e miglior grafica.

La Galleria avrà una nuova visualizzazione per le foto, che donerà più profondità e maggior raffinatezza. Gli album sono creati automaticamente secondo la data, l’ora e la posizione geografica. Le foto scattate possono essere sincronizzate in background con Google Picasa.

I servizi relativi alla voce sono quelli ora presentati. La ricerca tramite voce è stata lanciata con N1 presto quest’anno e verrà lanciata su Milestone (Verizon Droid) più tardi durante il 2010. Si potrà quindi utilizzare il navigatore satellitare integrato di Google disponendo a voce le istruzioni di navigazione e parlando al software, per ottenere le indicazioni precise su schermo.

Ma i servizi voce non si limitano alla navigazione. Infatti, in ogni campo vuoto del terminale (componimento di un nuovo messaggio, e-mail, ecc.) si potranno usare i comandi vocali.

Un’altra interessante applicazione che non viene ancora lanciata con questo evento è Google Earth, che avrà un funzionamento analogo alla versione desktop. Usa il 3D framework per agevolare il compito all’hardware, e si potrà disporre delle stesse modalità di visualizzazione della versione fissa, come per esempio la “Flyaround”. Si potrà anche qui impiegare la ricerca a voce.

Domandandosi come portare questo sul mercato, la risposta è stata permettere di comprare un device consumer mediante un Google Web Store, proponendo un processo di acquisto veloce e semplice, offrendo in modo chiaro e semplice piani tariffari degli operatori locali. Tramite questo store si può acquistare un telefono senza contratto, o con contratto attraverso un operatore, usufruendo in quest’ultimo caso di uno sconto dal carrier.

Ad offrire questa soluzione è fin da subito T-Mobile USA. I piani sono quelli di aggiungere più device, come Motorola, e di raggiungere più paesi. Verizon e Vodafone hanno già annunciato di entrare a far parte di questo store.

I telefoni si potranno “provare” tramite semplici demo direttamente sul web, prima dell’acquisto. Il prezzo di Nexus One, alias N1, è di 530 $ sbloccato e senza contratto, 180 $ con T-Mobile, mentre Vodafone e Verizon arriveranno a commercializzarlo solamente in primavera.

Piccola curiosità: in puro stile Apple, il vostro N1 si potrà incidere, con due linee di testo, al momento dell’acquisto. Dopo la conferma sul metodo di pagamento, l’acquisto sarà ultimato.

Al momento, lo store di Google è supportato negli USA e in altri tre mercati selezionati: Hong Kong, Regno Unito e Singapore. I piano sono nei prossimi mesi di raggiungere più Paesi e offrire più smartphone. Per Google, N1 è il primo di una serie di device che verranno offerti al pubblico in questo modo. Nessun invito, quindi, a quanto pare.

Domande e risposte

  • Perché solo 512 MB di memoria per le applicazioni? Le applicazioni vengono salvate sulla memoria ROM e non sulla SD per adesso, per ragioni di pirateria. Ma presto verrà aggiunto il supporto all’installazione su SD Card.
  • Il telefono verrà commercializzato oggi? Si, da oggi. Ma se volete una versione sbloccata e non vincolata da T-Mobile, potete usarla con qualsiasi operatore GSM come AT&T, ma, a causa di frequenze UMTS differenti, con AT&T funzionerà solamente in EDGE.
  • E’ un iPhone killer? Noi lo chiamiamo un “supertelefono”, ma il messaggio che lanciamo non è verso l’iPhone, è verso gli utenti. E’ bello scegliere.
  • Cosa avete intenzione di fare per rendere il Market di Android più conosciuto, in netta contrapposizione all’App Store di Apple? Le operazioni di marketing per N1 saranno inizialmente sul web, usando tutti i mezzi pubblicitari (AdSense?), mostrandone tutti i punti di forza, come il Market di Android.
  • Perché si è reso necessario creare un Googlefonino? Perché non avrebbe potuto essere giusto un terminale HTC sul quale far girare la nuova versione di Android? E queste nuove funzionalità arriveranno sul Droid (Milestone)? Non è preciso dire che Google ha ideato il telefono. Google lo sta solo vendendo online. Tutti saranno in grado di far girare la 2.1 quando sarà open source, entro un paio di giorni.
  • Quali sono le opportunità di guadagno per Google? Sono concernenti la pubblicità. C’è un piccolo margine di guadagno su ogni unità venduta, ma assicurarci che la gente possa accedere ai servizi Google e al web è la nostra prima priorità.
  • Questo è il vostro miglior telefono, ma non ha una tastiera fisica. Significa che la tastiera fisica è morta? E Google sta per vendere altri prodotti online? Ci sono molte persone che preferiscono diversi form factor. Questa è la strategia di HTC: accontentarle tutte. Questo design è incentrato sullo schermo e il form factor, e ha una delle migliori tastiere a schermo. E sul lato software c’è l’input vocale. E no, questo non è l’unico device che farà parte dell’offerta.
  • Perché c’è una limitazione territoriale agli USA sul multitouch? HTC Droid Eris supporta il multitouch negli USA. Ma lasciamo l’opzione aperta, visto che riguarda il software. La considereremo.
  • In che modo state differenziando i Superphones dagli Smartphones? Il Nexus One di Verizon supporterà CDMA e GSM o solo CDMA? La differenza la fanno GHz e GB, e molte altre innovazioni software fanno sì che l’industria necessiti di un nuovo termine per riferirsi a questi telefoni. Alcuni di questi saranno telefoni in tutto il mondo, siamo molto concentrati su questo.
  • In caso di altre domande, precisiamo: il Nexus One di Verizon sarà CDMA (solo per utenti americani, per gli europei non si pone il problema!).
  • Per i futuri upgrade, Google intende aggiornare ogni dispositivo all’ultima release che esso supporta. Chiaramente non tutti i telefoni e i chip supportano tutte le revisioni software, così come avviene sui PC: non tutti i vecchi computer possono far girare Vista o Seven.
  • State ancora tentando di portare Google Voice su iPhone, o avete rinunciato? Noi non siamo il team di Google Voice, ma quel team non è avverso all’idea di avere la loro applicazione funzionante su altre piattaforme.
  • Eravate soliti dire “nessun Google Phone”: cosa è successo? Sono stato davvero preciso in quello che ho detto. Ho detto che Google non costruirà l’hardware, e lavorerà sempre in collaborazione con partners.

Guarda anche

Samsung Galaxy S7 impostazioni fotocamera scomparse

Samsung Galaxy S7 impostazioni fotocamera scomparsa

Che cosa fare se icona impostazioni fotocamera Galaxy S7 è scomparsa La soluzione se icona …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *