Samsung Bada – Di cosa si tratta, come funziona, quando arriverà

Schermata 2009-11-19 a 16.44.26

Samsung Bada è una nuova piattaforma OS annunciata dal produttore coreano nelle scorse settimane che rimpiazzerà l’interfaccia e l’utilizzo della gran parte dei sistemi operativi proprietari del colosso dei telefoni.

In pratica, Bada non sarà un vero e proprio OS, quindi il suo sviluppo non parte da zero, ma si andrà ad integrare con gli OS proprietari di Samsung. Per spiegarvi il funzionamento, è un po’ quello che fa oggi TouchWiz con i file .wgz e .wgt: i file .sis sono installabili a livello di telefono, i .jar sono installabili a livello Java e i .wgz e .wgt sono configurabili sulla TouchWiz.
Sarà però una piattaforma davvero innovativa, facile da sviluppare, e con grandi opportunità grazie al parco dei telefoni che con questa tecnologia verranno venduti.

Il primo telefono con Bada è atteso per la prima metà del 2010, mentre entro il 2012 quasi la metà dei telefoni cellulari prodotti da Samsung si stima che avranno il supporto a Bada.

Davvero interessante! Qui trovate il sito ufficiale. Chissà quando vedremo i primi prototipi…

Guarda anche

Samsung S8 umidità rilevata nella porta di carica

Samsung S8 umidità rilevata nella porta di carica

Come risolvere errore umidità rilevata nella porta di carica Samsung S8 Il telefono Android non si ricarica e continua a suonare e lampeggia messaggio umidità rilevata nella porta di carica.

3 Commenti

  1. Nokia con Maemo e Samsung con Bada … e Apple rimane al palo ??!!

  2. Apple col suo iPhone OS, un sistema valido e che offre tante possibilità, certo con qualche castrazione di troppo, ma comunque ottimo sotto tanti punti di vista. Maemo e Bada, per il momento, sono delle promesse o poco più. Vedremo chi la spunterà.
    Ciao.

  3. Apple ha App Store e iPhone OS che come sistema perfettamente integrato penso che possa andare avanti all’infinito con pressoché zero novità….. l’hardware e il software si perfezioneranno, ma lo store in sé rimarrà tale, cambierà probabilmente l’SDK e le funzioni delle future applicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *