La verità dietro gli attacchi a Live e GMail

hotmail_gmail

Noi di AllMobileWorld non siamo stati gli unici ad essere stati attaccati nei giorni scorsi da azioni di hackeraggio. Sono stati giorni un po’ movimentati anche per colossi del web come Microsoft e Google, che hanno ricevuto attacchi di varia natura volti a violare le password d’accesso ai servizi Gmail e Live.

La notizia è stata ripresa anche da testate giornalistiche e telegiornali, tuttavia la situazione sembra essere rientrata. Microsoft ha ammesso il problema e ha affermato che tutto è già stato risolto. Google, dal canto suo, si sbottona un po’ di più dicendo che l’attacco è stato marginale, coinvolgendo circa 500 account. Secondo Big G, si è trattato di una maxi operazione phishing che indirizzava come solito gli utenti verso pagine del tutto somiglianti a quelle originali ma su server che raccoglievano nome utente e password immessi.

Non sarebbe quindi necessario cambiare la password del proprio account per una maggior sicurezza, nonostante la gran parte dei siti consiglia di farlo.

Guarda anche

Galaxy S7 come dettare messaggio senza usare tastiera

Galaxy S7 come dettare messaggio senza usare tastiera

Samsung Galaxy S7 come dettare messaggio senza usare tastiera Un metodo semplice per scrivere un …

One comment

  1. guardate che il problema non è ne colpa di hotmail ne di gmail, infatti la notizia il giorno dopo è stata subito ridimensionata poichè nessun hacker è entrato nei server di posta ma sono gli “utonti” un pò tanto polli che hanno inserito la loro password di posta in email contraffatte.

    E’ + o – la stessa cosa che avviene con le poste o con diverse banche, non bisogna mai inserire la propria password attraverso collegamenti presenti in e-mail.

    La gente ancora questo non lo capisce, anzi, si inviano ancora catene come quella “se non rispondi a questa email il tuo account sarà chiuso”… ma per favore se ci si casca vuol dire che te lo sei QUASI meritato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *