MacWorld 2009 – DIRETTA

evento-apple

Gentilissimi spettatori, prendete posto in sala! Il pomeriggio di AllMobileWorld continuerà con la diretta del MacWorld 2009, l’ultimo a cui parteciperà Apple. Tra qualche minuto la diretta. Vi prego di cliccare in basso su Read More e leggere l’articolo completo per rimanere informati. E’ necessario aggiornare manualmente la pagina premendo F5 o il pulsante Aggiorna. E’ una scelta presa dallo staff di AllMobileWorld per permettervi di seguire l’evento con un’interfaccia più sobria e senza rallentamenti di sorta (e nemmeno downtime che comprometterebbero l’evento).

Evento terminato. Continuate a seguirci.

Buon proseguimento!

h 17:59: L’evento sta per cominciare…

h 18.00 – Incomincia il primo keynote di Phil Schiller da solo.

h 18.03 – Calano le luci…..si comincia.

h 18.05 – Stanno presentando gli ultimi Apple Store aperti nel mondo: Beijing (Pechino), Sydney e Monaco di Baviera.

h 18.07 – Gli Apple Store del mondo ricevono 3.4 milioni di visitatori alla settimana. Alla gente piace soprattutto provare gli oggetti che desiderano comprare, come iPhone, iPod e Mac. Quest’evento sarà incentrato sui Mac.

h 18.09 – Phil Schiller illustra i risultati economici della divisione Mac per il 2008. 9.7 milioni di vendite.

h 18.10 – Oggi parleremo di tre cose: la prima, iLife 09. C’è un nuovo iPhoto. Quest’anno c’è un nuovo sistema in iPhoto: la tecnologia Faces, un nuovo sistema di organizzazione per le foto. Si possono organizzare librerie, con la divisiuone per persone.

h 18.12 – iPhoto userà una tecnologia di Face Detection. Schiller dice che non è perfetta come funzione, ma funziona davvero bene.

h 18.13 – Le funzionalità di geotagging di molti cellulari e macchine foto (lo stesso iPhone le usa) consentiranno di organizzare la nostra libreria a seconda di dove sono state scattate le immagini.

h 18.14 – Le foto che mancano di geotag potranno essere editate in modo tale da aggiungere manualmente un luogo nelle informazioni del file.

h 18.15 – Suddetta funzione è centrata su Google Maps e funzionerà esattamente come la versione per iPhone e browser.

h 18.17 – Aggiunto anche il supporto a Yahoo! Flickr e FaceBook ad iPhoto per salvare le proprie foto online e mostrarle a tutto il mondo. La tecnologia Faces di iPhoto può essere impiegata anche al contrario: i vostri amici su Facebook possono dargli un nome alle persone nelle foto e questi dati verranno risincronizzati con iPhoto al primo accesso al programma.

h 18.18 – Ci sono anche nuovi temi slideshow. E la tecnologia Faces verrà impiegata anche qua per centrare l’immagine al viso del protagonista. Le slideshow possono essere poi salvate sul computer e su iPhone e iPod Touch.

h 18.20 – Schiller descrive la funzionalità Slideshow di iPhoto descrivendone principalmente l’uso con Google Maps.

h 18.22 – Ora ci fa una breve demo su come funziona Faces, in particolare il riconoscimento delle foto applicato alla creazione di nuove slideshow e librerie. Vediamo ora come aggiungere un nome alle persone presenti nella fot0 e il metodo di auto-detect delle altre.

h 18.26 – Verrà aggiunta una feature, sidebar, tipo Genius di iTunes. Schiller sta attualmente illustrando questa funzione.

h 18.28 – Collocandosi su Places in un posto preciso verranno riprodotte tutte le foto scattate li. Passiamo ora alle novità di iMovie 09.

h 18.30 – Ci sarà un editor di scene molto preciso, drag&drop di scene, temi dinamici, stabilizzazione del video tramite effetti e mappe incluse nel video.

h 18.33 – Randy Ubillos ci mostra le features di iMovie. Ubillos è il responsabile delle video app.

h 18.38 – Davvero buona la tecnologia di Apple di stabilizzazione dell’immagine.

h 18.40 – Saranno applicabili anche altri effetti, come i raggi x, cartoon e pellicola datata…davvero impressionante e performante!

h 18.42 – Torna Schiller sul palco, e Ubillos conclude con la feature dei temi, che mettono insieme oggetti 3D e vengono renderizzati in tempo reale.Vediamo ora GarageBand 09.

h 18.43 – Schiller ci parla di Learn to Play (impara a suonare), un’interfaccia che aiuta a imparare a suonare uno strumento.

h 18.46 – Dei famosi artisti come Sting ci insegneranno a suonare vari strumenti, in nove lezioni di pianoforte e chitarra, per esempio. Molto buono, ma non mi sembra una feature professionale. IMHO Dovrebbero concentrarsi un tool audio migliore di iTunes. Ci saranno anche delle lezioni da scaricare, volendo, al prezzo di 4,99 $ (iTunes Store USA).

h 18.50 – iLife sarà presente come solito nella nuova versione nei nuovi Mac in vendita. Altrimenti sarà acquistabile al prezzo di 99 $ (Family Pack) o per l’Upgrade al costo di “soli” 79 $ a fine Gennaio.

h 18.52 – Ora Schiller ci presenta iWork, la suite office per Mac proposta da Apple. Ci sta mostrando quanto sia facile creare ottime presentazioni tramite il tool Keynote presente nella suite.

h 18.55 – Sarà disponibile un’applicazione su App Store, chiamate Keynote Remote, che si collegherà in wireless al Mac per comandare le presentazioni e visualizzarale su iTouch.

h 19.00 – Schiller ci sta mostrando l’update di Pages e Numbers, in particolare i template che ci consentiranno un agile e professionale lavoro con iWork 09.

h 19.02 – Nuove features anche per Numbers, il gestore di fogli di calcolo di iWork. 250 nuove funzioni, categorie per le tabelle e molto altro ancora.

http://media.coveritlive.com/media/image/200901/thf716ZGTQmacworld2009keynotec23.jpg

h 19.05 – Il nuovo iWork necessiterà per forza di cose di Leopard per funzionare, Tiger non sarà più supportato. Verrà venduto al pubblico a 99 $ nel Family Pack. C’è poi un’altra edizione del bundle Apple, in modo tale da aggiornare il proprio iMac o MacBook rimasto a prendere polvere: Leopard OS X + iLife 09 + iWork 09 al modico prezzo di 169 dollari americani.

h 19.07 – Inoltre Apple, dopo il grande successo (ironico) ottenuto con MobileMe, sta per pubblicare la versione beta di iWork.com, ovvero una suite tipo Google Docs dalla quale saremo in grado di gestire da tutto il mondo i nostri documenti. Inoltre tali documenti si possono anche condividere tra i vari utenti. Interessante.

h 19.09 – Interessante è anche il sistema di note: si può passare il documento a varie persone, le quali a loro volta lo risalveranno sul server potendoci lasciare anche comode note (post-it) sopra. Esiste anche un sistema per essere avvertito di cambiamenti al file.

h 19.11 – Gli utenti possono registrarsi su iWork.com gratuitamente per la fase beta, ma costerà una volta diventata definitiva.

h 19.13 – Ecco la presentazione del nuovo MacBook Pro da 17 pollici, la terza e ultima cosa che Schiller intende presentare oggi. Schiller è davvero lieto dei risultati ottenuti dalla gamma notebook di Apple, rinnovata recentemente con materiali davvero sorprendenti.

h 19.15 – Il nuovo MacBook Pro 17″ è spesso solamente 2.5 cm (0.98 inches) e pesa intorno ai 2.6/2.7 kg. Il display da 17″ retroilluminato avrà una risoluzione di 1920×1200 e 700:1 di rapporto di contrasto.

h 19.18 – Il nuovo MacBook Pro 17″ avrà un processore Intel Core 2 Duo da 2.93 GHz, 6 MB di cache L2, 8GB di memoria RAM in formato DDR3 settata a 1066 MHz. La parte sinistra del notebook avrà tre porte USB, una firewire 800, la miniDisplay Port, MagSafe, la porta di rete 10/100/1000 Mbit, audio in/out e ExpressCard. Avrà inoltre ovviamente il trackpad multitouch di vetro. Ci saranno dentro entrambe le schede video (nVidia 9400 e 9600M), e 320 GB di HDD (oppure 256 GB di memoria allo stato solido SSD). Funziona utilizzando anche il Cinema Display davvero bene.

h 19.20 – Viene chiamato sul palco Bob Mansfield, che ha seguito lo sviluppo di questo Mac per spiegare le potenzialità della nuova batteria, che durerà fino a 8 ore con 1000 cicli di ricarica garantiti. La batteria non sarà ovviamente rimovibile. Troverà spazio tra il lato destro e il trackpad, sotto la scocca in alluminio.

h 19.23 – Non c’è solo un miglior uso della chimica, ma anche l’uso di chip che consentono di gestire meglio il lavoro. Schiller si precisa meglio dicendo che, utilizzando la nVidia 9600M la durata sarà di 7 ore, utilizzando la 9400 sarà di 8 ore. Comunque, la durata massima garantita è di 3 ore superiore al precedente MacBook Pro 17″, passando da 5 a 8 ore.

h 19.25 – Il nuovo MacBook Pro 17″ verrà venduto a partire da fine Gennaio al prezzo di 2799 dollari, esattamente come il modello precedente. Apple anche acclama il nuovo processo produttivo che riduce le emissioni, ed è privo di PVC. Schiller mostra anche uno spot che andrà in onda per pubblicizzare le caratteristiche “verdi” di questi computers.

h 19.27 – Parliamo ora di iTunes. E’ una sorta di One more thing. Apple ha venduto 6 miliardi di canzoni, ce ne sono 10 milioni di disponibili, dal 2003 ad oggi e ci sono 75 milioni di iTunes account collegati ad una carta di credito valida.

h 19.29 – Ci saranno a partire da Aprile tre differenti prezzi per le canzoni, a seconda degli accordi intrapresi con le case discografiche: 69 centesimi di dollaro, 99 centesimi di dollari e 1.29 $. Seconda cosa iTunes Plus, che offre canzoni DRM-free ad alta qualità (AAC 256 kbps). Ad oggi, 8/10 milioni di canzoni presenti su iTunes Store sono disponibili DRM-free. Entro il primo quadrimestre 2009, la totalità delle canzoni sarà presente.

h 19.30 – La terza cosa riguarda iPhone, ed è la possibilità di collegarsi per scaricare canzoni direttamente sotto il 3G (prima non era possibile) ad iTunes Store. Da oggi disponibile.

h 19.33 – La consueta fine del keynote in musica con Tony Bennett, che canta “The Best is yet to Come”.

h 19.38 – Phil Schiller ha ringraziato tutti e ci invita ad andare a dare un’occhiata ai nuovi prodotti alla fine di Gennaio.

h 19.39 – L’evento è ufficialmente finito. Continuate a seguirci nelle prossime ore per articoli approfonditi.

Guarda anche

Iphone 7 stampare sms Guida e istruzioni

Iphone 7 stampare sms Guida e istruzioni

Come stampare i messaggi SMS da iPhone la guida e le istruzioni per poter stampare …

9 Commenti

  1. Attendo l’apertura di un Apple Store a Genova così mi licenzio dal mio posto di lavoro e ci passo l’intera giornata!!!

  2. “” Vediamo ora come aggiungere un nome alle persone presenti nella fot0 e il metodo di auto-detect delle altre””
    Qui non sono molto d’accordo. Non so se mi piace molto l’idea di far circolare le foto con il nome della persona sotto! Ormai ti fregano l’identità con molto meno ora gli diamo la possibilità di conoscere anche il nome!
    Completiamo l’opera e forniamogli il codice fiscale e il numero di carat di credito poi modifichiamo il nome Apple in FBI!

  3. e siiiii F.B.I che spettacccooolooo

  4. oooohhhhh Dioooooo il 17 pollici è un MOSTRO!!!! 8 Giga di memoria Ram!!!! che spettaccoooolooooo

  5. ok…un mostro …bellissimo. Ma cosa ci fai con 8 gb di ram??? potevano secondo me concentrarsi meglio sull’estetica…è la prima volta in 15 anni che mi capita di dire “questo apple fa caxxre esteticamente….” quel nero sullo schermo è 1 cazzotto in un okkio..e poi perché hanno tolto il modello bianco??? boh, sarò superficiale, ma mi sembra uno specchietto per le allodole…

  6. Si in effetti quoto Rik! Il Mac la gestisce bene già così…forse per Windows sarebbero necessari. Comunque Phil Schiller dovrebbe aver detto “up to 8 GB”, forse è quell’impostazione selezionabile dal sito, nel senso che quando ti fanno “assemblare” il tuo Mac ora arriva fino ad 8 GB…..non ho capito bene bene, con l’inglese vado d’accordo ma Schiller è diverso da Jobs.

    Comunque invece il design a me piace, nero e silver alu. Forse un po’ troppo caro per quello che offre, nonostante abbiano indubbiamente combattutto la concorrenza sotto il prezzo/prestazioni.

  7. certo però niente Mac Mini….che tristezza

  8. per design a me piace molto anzi quel nero intorno al display da il tocco di classe

  9. Si…povero Mac Mini a questo punto forse è davvero morto…pensare che ci avevo fatto un pensierino se lo aggiornavano….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *