The Simpsons: la mApple di Steve Mobs

Girovagando per il web, questo pomeriggio ho scoperto un’esilarante puntata dei Simpson andata in onda ieri sera su Fox negli USA. In particolare, gustatevi questo estratto di sette minuti riguardante la parodia più divertente che esista sul mondo della Mela. E’ un episodio chiaramente per “esperti” e “praticanti”, soprattutto per chi segue da vicino il mondo Apple, visto che 3/4 se non di più della popolazione italiana riuscirebbe a capirlo interamente. Nell’articolo completo il riassunto dettagliato, ma sono sicuro che capirete tutto in quanto i Simpson sono esilaranti e già comprensibili al primo sguardo.

I Simpson scoprono all’interno del centro commerciale di Springfield un negozio che non avevano mai notato e di recente costruzione: un mApple Store. Lisa allora entra meravigliata e scorre estasiata le corsie piene di miPod, miPhones e trova persino la Genius Bar (qui chiamata Brainiac Bar), dove l’uomo dei fumetti è intento a domandare all’esperto mApple un interrogativo sul suo OS 4.2 in termini tecnici. Nella scena seguente, Homer ammira un miCube (chiara parodia del Mac Mini) interrogandosi su cosa fa questo dispositivo: il commesso gli dice che non dovrebbe chiedersi cosa questo dispositivo faccia, ma cosa può fare per lei. Homer viene così preso in giro amabilmente in una parodia che si fa beffa di alcune scelte economiche di Apple. Lisa vuole anche comprare degli auricolari mApple, per far sembrare a tutti che abbia un miPod, ma questi sono decisamente al di sopra della sua portata (40 $, mentre Lisa tira fuori il portamonetine). Lisa è scoraggiata, ma interviene Krusty il Clown che è stufo del suo miPod e glielo cede. Nella scena dopo, l’immagine di Steve Mobs irrompe proiettata su una parete del cubo di vetro (parodia anch’essa dell’Apple Store di New York sulla quinta strada) e prende a parlare sino a quando Bart collega un microfono all’apparecchiatura e parla lui: prende in giro la qualità costruttiva dei prodotti Apple, il Mobs-Bart dice che ha investito tutto su Microsoft e che ora va in giro a baciare Bill Gates su un cumulo di soldi loro. Tutto questo scatena una reazione funesta da parte dei commessi così come dei clienti del mApple Store, e Lisa accusa Bart di tutto ciò. La scena si conclude con la fuga di Bart dal centro commerciale.

Vediamo poi Lisa intenta a mostrare il miPod alle sue amiche a scuola, e queste sono subito sorprese, deluse poi e sprezzanti dei gusti musicali della povera Lisa. Esilarante è l’episodio che segue di Grattachecca e Fichetto. Successivamente arriva a casa Simpson un pacco dalla mApple che Lisa crede sia un regalo: in realtà è il conto della sua “spesa” virtuale effettuata acquistando canzoni. Il conto è di 1200 $ e chiaramente Lisa non può pagarli. Sviene e così nella scena dopo Lisa viene accompagnata in una chiavetta USB “sottomarina” nel quartiere generale menzionato prima durante il discorso di Mobs. Mobs è intento a “giocare” con il multi-touch quando arriva Lisa e questa gli chiede se per favore gli annulla il debito. Mobs dapprima non accetta, ma successivamente chiede a Lisa se vuole lavorare per mApple. Questa subito accetta radiosa, se non fosse che la scena dopo la vede lavorare come “uomo-sandwich” e distribuire volantini mApple.

Guarda anche

Iphone 7 stampare sms Guida e istruzioni

Iphone 7 stampare sms Guida e istruzioni

Come stampare i messaggi SMS da iPhone la guida e le istruzioni per poter stampare …

6 Commenti

  1. video nè piu visibile 🙁

  2. Per problemi di copyright infringiment Fox e YouTube stanno provvedendo ad eliminare tutti i filmati in questione dal portale Google.

  3. io sono riuscita a trovare un mini stralcio della puntata su you tube…è fantastica!!

  4. Ho corretto il link, ora si vede! Sperando che non tolgano pure questa!
    Però non è in intera se cercate simpson mybill su youtube trovate l’altro pezzo.

    Buona serata a tutti!

  5. ok per ora va 🙂 vediamo xD

  6. anche io ho beccato la puntata intera sul web e devo ammettere che i simpsons hanno conquistato tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *