Windows Mobile 6.5 e Windows Seven: settimana calda a Redmond

Indubbiamente è stata una settimana calda a Redmond, Washington, dove risiede la Microsoft, visti gli annunci di grande portata che hanno riguardato due OS venturi che promettono davvero bene: da una parte parliamo di Windows Seven, il successore di Vista, che secondo Gizmodo arriverà in Estate 2009, anticipando dunque la roadmap di parecchi mesi. Le speranze dell’utenza sono ovviamente quelle di non ritrovarsi nella stessa situazione di Vista al debutto, che risultava instabile e poco retrocompatibile nonostante l’interfaccia futuristica e la fetta di mercato conquistata.

Per chi non volesse attendere il rilascio ufficiale, gli piace curiosare e ha un po’ di tempo e una partizione su HDD dedicata, potrebbe provare la beta di Windows 7, tale build 6108, che gira da qualche settimana su Internet.

Ma veniamo a Windows Mobile: mentre tutti eravamo in attesa dell’annuncio della 7, Motorola e in particolare Microsoft è venuta fuori asserendo ad una versione intermedia 6.5, che apporterà qualche novità soprattutto dal punto di vista dell’interfaccia grafica. Infatti, nonostante Windows Mobile sia molto apprezzato nell’ambiente Professional, sta diventando graficamente obsoleto per la mancanza di un’interfaccia touchscreen all’altezza di OS X Mobile, Symbian 5th e, per certi versi, Android. Questa versione è stata annunciata per un generico 2009.

FONTE

Guarda anche

Emulatore Windows 10 Mobile in anteprima

Emulatore Windows 10 Mobile in anteprima

Provare in anteprima Windows 10 mobile con l’ emulatore Windows 10 Tutte le funzioni da …

2 Commenti

  1. avete scritte le identiche cose avevo scritto io nell’articolo precedente riguardo windows 7 …che sembrava raccontassi palle…..e lo scritto un mese fa

  2. La differenza tra queste notizie (rilasciate da Microsoft, Motorola, Gizmodo e altri) e le tue è che le tue non erano sicure e non mi piace postare come vere cose dubbie.
    Tralasciato questo, francesco, nessuno ha detto che raccontavi palle. Riprendimi l’articolo e fammi vedere dove ti ho dato del bugiardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *