Wefi & Google Maps – Combinazione vincente!

Il servizio WEFI, attualmente ancora in versione beta, permette di conoscere, tramite la raffigurazione grafica sulle mappe di Google Maps, la posizione degli hot spot. A questo punto in molti si chiederanno che cosa è un hot spot. L’hot spot è un punto di accesso dislocato sul territorio ove è presente una rete WI-FI a cui è possibile accedere liberamente o tramite login e password.

WEFI sfrutta le informazioni fornite dagli utenti che danno la disponibilità di utilizzo alla propria connessione WI-FI.

La semplicità di questo servizio è che a differenza di FON non vi è bisogno di dotarsi modem/router oarticolare, ma basta solo ed esclusivamente installare l’applicativo.

La mappa degli hot spot è in continuo aggiornamento. Ogni giorno nascono nuovi punti di accesso alla rete, con conseguente possibilità di usufruire della connessione liberamente. Pensate solo all’utilità di avere una rete disponibile gratuitamente e di poter collegare il Vostro cellulare (dotato di dispositivo WI-FI) a Skype ed effettuare le telefonate gratuitamente ai Vostri contatti! Fantastico no ??!!

L’applicazione la potrete scaricare direttamente dal sito wefi.com

Buon divertimento All

Guarda anche

CloseWhatsApp su Nokia chiude Whatsapp ma i messaggi arrivano ugualmente!

CloseWhatsApp su Nokia chiude Whatsapp ma i messaggi arrivano ugualmente!

CloseWhatsAppcome ricevere i messaggi di WhatsApp anche con l’app chiusa. Risparmiare batteria restando connessi a …

2 Commenti

  1. In realtà, c’è una bella differenza tra WEfi e FON. Mentre con quest’ultimo, usando un router wireless ti permette di condividere la tua connessione con chiunque, WEfi è niente più che un servizio di “catalogazione” di reti wifi non protette, così che, usando il loro software per collegarsi, ti individua velocemente quella con la migliore connessione ad internet. Tra l’altro, credo che collegarsi a reti wireless altrui, anche se non protette, è illegale…

  2. Ciao Giovanni,

    Pur condividendo la tua opinione sulla illegalità di collegarsi a reti wireless non protette penso che oggi come oggi chi installa una rete wireless sprovvista di protezione sia pienamente consapevole dei rischi a cui va incontro. Quindi bisogna vedere se l’utente ha volutamente lasciato aperta la sua rete per far si che sia utilizzata da altri oppure abbia “dimenticato” di inserire la chiave..

    Ciao All

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *